darwinismo
 
Tuesday, September 27, 2005
Il processo Scopes: l'inizio della sfida tra evoluzionismo e creazionismo in America

Il processo Scopes: l'inizio della sfida tra evoluzionismo e creazionismo in America

Dieci Luglio 1925: ormai sono passati ottant'anni. Nella quieta cittadina di Dayton, nel Tennessee, sta per celebrarsi un processo particolare: giudice e giuria dovranno pronunciarsi nei confronti di John Scopes, accusato di un reato quantomeno singolare. In base ad una legge appena approvata, nel Tennessee e' illegale insegnare nelle scuole pubbliche di qualsiasi ordine e grado (compresa l'universita') la teoria dell'evoluzione, ovvero e' illegale confutare cio' che narrano le sacre scritture in fatto di creazione degli esseri viventi e tantomeno affermare il concetto che l'uomo discenda da un ordine inferiore di animali. Siamo forse di fronte ad un geniale novello Galileo messo alla sbarra da un'altrettanto novella inquisizione? Non proprio..... John Scopes e' un professorino di scienze ed educazione fisica, prestato come supplente alla biologia, ma alcune persone vedono in lui il mezzo per scardinare questa assurda legge. Certo, e' significativo cominciare da questa devota cittadina, dove tutti conoscono il pastore evangelista T.T. Martin e il suo libro dal titolo esplicativo Hell and the High Schools, dove tutti leggono la Bibbia e ne traggono ben piu' che insegnamenti morali. A Dayton sono in gioco destini piu' grandi: lo si capisce dalla caratura dei personaggi che vi convengono per affrontare questa impresa. L'accusa e' capeggiata da William Jennings Bryan, gia' tre volte candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti, difensore della fede e dei diritti umani contro i pericoli rappresentati dalla scristianizzazione della societa'. La difesa si avvale di numerosissimi esperti, e della maestria dei noti avvocati Clarence Darrow e Dudley Field Malone. Il giudice non ammette esperti a parlare di evoluzione -dopotutto il processo deve unicamente stabilire se John Scopes abbia o meno violato una precisa legge- ma poi accetta la deposizione di Bryan quale esperto della Bibbia: Darrow lo incalzera' fino a fargli ammettere che si', i giorni della genesi possono essere considerati periodi di tempo ben piu' lunghi..... Ma e' un famosissimo intervento di Malone ad entrare nella storia, e ad essere, a parere degli osservatori, il pezzo forte dell'intero processo. Eccone l'estratto originale:

"There is never a duel with the truth. The truth always wins and we are not afraid of it. The truth is no coward. The truth does not need the law. The truth does not need the force of government. The truth does not need Mr. Bryan. The truth is imperishable, eternal and immortal and needs no human agency to support it. We are ready to tell the truth as we understand it and we do not fear all the truth that they can present as facts. We are ready. We feel we stand with progress. We feel we stand with science. We feel we stand with intelligence. We feel we stand with fundamental freedom in America. We are not afraid. Where is the fear? We meet it, where is the fear? We defy it, we ask your honor to admit the evidence as a matter of correct law, as a matter of sound procedure and as a matter of justice to the defense in this case." *

Il processo si concludera' velocemente, in soli otto giorni, con l'inevitabile, e addirittura auspicata dalla difesa, condanna del giovane Scopes: l'obiettivo e' di fare appello alla Corte Suprema del Tennessee, allo scopo di sfidare la costituzionalita' della legge anti-evoluzione alla luce del Primo Emendamento. Purtroppo un piccolo errore tecnico invalidera' il processo e impedira' che questo arrivi al giudizio formale della Corte Suprema, cosi' come i suoi promotori avevano sperato. In quello stesso anno, ben quindici Stati introdurranno leggi che bandiscono l'insegnamento dell'evoluzione. La storia non finisce nel 1925; semplicemente inizia dal processo Scopes: il dibattito che ne e' scaturito impedisce che queste leggi vengano di fatto applicate. Le sentenze della Corte Suprema degli Stati Uniti cominceranno a dichiararne l'anticostituzionalita' solo pero' verso la fine degli anni '60: alcuni Stati hanno poi tentato di aggirare l'ostacolo introducendo leggi che tentavano di imporre il concetto del "tempo uguale di insegnamento" dell'evoluzione e della scienza della creazione (una contraddizione in termini....); anche in questo caso la Corte Suprema ha sempre bocciato le leggi con un'argomentazione semplicissima: non si puo' insegnare religione durnate le ore di scienze........ In America il dibattito e la battaglia sono piu' che mai vivi, ora che si e' affacciato l'Intelligent Design (come dice Massimo Pigliucci in un suo articolo: Design Yes, Intelligent No) e che ci sono continue pressioni, provenienti soprattutto dal mondo della politica, per fare dell'insegnamento dell'evoluzione un vero percorso ad ostacoli. I piu' politically correct vorrebbero permettere alle famiglie americane profondamente religiose di esentare i propri figli dai corsi di Biologia Evoluzionistica (orrore!!!): a quando la possibilita' di essere esentati dai corsi di Geografia Generale che introducono il Big Bang, o da quelli di Genetica che ci spiegano come funzionano le Biotecnologie???

Questa generale introduzione ha destato -o ridestato- il vostro interesse sull'argomento? Allora c'e' molto da leggere!! La School of Law dell'Universita' del Missouri a Kansas City mette a disposizione un'intera sezione dedicata al processo Scopes, curata da Douglas Linder, un giovane professore esperto di Costituzione e Leggi basate sul Primo Emendamento. Linder ritiene che lo Scopes "Monkey" Trial sia il piu' importante processo del XX secolo negli Stati Uniti. Anche Stephen J. Gould ha affrontato questo argomento in alcuni dei suoi saggi piu' famosi: tre di questi li potete trovare nella quinta parte del libro Quando i cavalli avevano le dita (1984, Feltrinelli Editore) dal titolo Scienza e politica. Nel saggio intitolato Moon, Mann e Otto, Gould racconta la sua personale esperienza alla fine del 1981 come testimone in un processo a Little Rock, Arkansas, che sanci' l'incostituzionalita' di una legge di quello Stato che, sotto la bandiera del "tempo uguale di insegnamento" costringeva gli insegnanti di biologia ad insegnare religione nelle ore di scienze.

* "Non c'e' mai un duello con la verita'. La verita' vince sempre e noi non abbiamo paura di essa. La verita' non e' per i codardi. La verita' non ha bisogno della legge. La verita' non ha bisogno della forza di un governo. La verita' non ha bisogno di Mister Bryan. La verita' e' indistruttibile, eterna e immortale e non ha bisogno di alcuna agenzia umana per supportarla. Noi siamo pronti a dire la verita' cosi' come la comprendiamo e non abbiamo paura di tutta la verita' che essi possono presentare come fatti. Noi siamo pronti. Noi sentiamo di stare con il progresso. Noi sentiamo di stare con la scienza. Noi sentiamo di stare con l'intelligenza. Noi sentiamo di stare con la liberta' fondamentale in America. Noi non abbiamo paura. Dov'e' la paura? Noi la affrontiamo, dov'e' la paura? Noi la sfidiamo, noi chiediamo a vostro onore di ammettere l'evidenza come argomento di una legge corretta, come argomento di una procedura legittima e come argomento di giustizia per la difesa in questo caso"

posted by Paola Nardi @ 2:44 AM   0 comments
About Me

Name: Paola Nardi
Home:
About Me:
See my complete profile
Previous Post
Archives
Shoutbox

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Duis ligula lorem, consequat eget, tristique nec, auctor quis, purus. Vivamus ut sem. Fusce aliquam nunc vitae purus.

Sponsor

Links
  • link 1
  • link 2
  • link 3
  • link 4
Powered by

15n41n1

BLOGGER